Menu a km zero. Il must dell’estate 2013

Quest’anno gli italiani in vacanza, almeno su una cosa, hanno le idee chiare. L’87% mangerà locale e a km zero, ovvero un pasto fatto solo con cibi che provengono da territori vicini, quindi più freschi e meno cari perché no export. Tendenza o semplice moda del momento? Fatto sta che, da un po’ di tempo a questa parte, tutto ciò che è bio ed eco sostenibile riveste un interesse particolare, anche per quelle persone che, prima, non ci facevano particolarmente caso.

È questo il risultato dell’indagine Coldiretti-Ipr marketing, che sottolinea che si tratta di una scelta favorita dalla crisi che spinge ad ottimizzare il rapporto prezzo/qualità. Spendere meno e meglio. Via a cose futili per disporre di un budget più generoso da destinare al mangiar sano, anche se costa leggermente di più. Il 29% di questo 87%, infatti, è disposto a pagare un menu Km zero anche qualcosa in più di un menu che non lo è.

Menu km 0 must estate 2013

La stessa indagine rileva, infatti, come il 33% rinuncerà ai divertimenti, il 25% al numero di stelle dell’hotel ma solo l’11% limiterà gli acquisti di prodotti tipici.

Inoltre, la crescita degli italiani che privilegeranno i prodotti tipici (87%), rispetto allo scorso anno (82%), dimostra come il turista sia maggiormente interessato a conoscere meglio e in maniera diversa i luoghi che sta visitando, anche dal punto di vista enogastronomico. E quale paese migliore dell’Italia può offrire un’esperienza enogastronomica unicamente e genuinamente Made in Italy?

Ovviamente tutto ciò avrà una ricaduta positiva sulle opportunità del mercato del lavoro e sulle entrate di ristoranti, agriturismi, mercati, pizzerie, negozi, bar e gelaterie.

_____

CONSIGLI AL RISTORATORE

Come detto sopra, questa può essere un’ottima opportunità per aumentare il fatturato del tuo ristorante, pizzeria, bar, ecc. Basta usare qualche accorgimento. Ti do qualche dritta:

-crea un menu ad hoc a km zero, ma che sia veramente a km zero

-promuovi il tuo menu sul sito web del tuo ristorante, bar, ecc., e sui social media in cui sei presente

-promuovi il tuo menu a km zero anche offline. Fai un volantino o proponilo ai tuoi ospiti a voce, invece che lasciare il menu e andare via

-proponi uno sconto, o fai assaggiare gratuitamente il tuo menu, a gente che possa parlarne sui social media (tipo me :P), in modo da farti pubblicità più velocemente

Hai pensato a qualcos’altro? Fammelo sapere, scrivilo nei commenti.

Sai che mi fa piacere sapere cosa ne pensi, per cui aspetto i tuoi commenti. Intanto, se ti è piaciuto, condividi il post con i tuoi amici ;)

The following two tabs change content below.
Marketer, Writer, Food Stylist & Photographer. Mangio esperienze, racconto emozioni. Un vero #designlover che non sa dire di no alla buona tavola!

Ultimi post di Vincenzo Fortuna (vedi tutti)

Dimmi la tua ;)